Il sassolino

Gerardo Cianfarani

Premio di Poesia Scrivere 2015
Poesia a tema libero

Raccolto ho sulla spiaggia un sassolino
come se fosse cera levigato,
dalle schiumose onde sballottato
che lì parea finisse il suo cammino.

A lui ho chiesto mi dicesse quanto
nel suo ruzzolar per valli e monti,
furia di venti oppur rossi tramonti,
grida udisse oppur d’amore un canto.

-Dall’alto d’una vetta e tra la neve
mi spinse forte a valle una tempesta
che grande molto più di quanto resta
pesante ingombro avevo che ora è lieve.

Dall’acqua fredda ancora più del ghiaccio
avvolto fui e poi rimescolato,
da rivolo cadente strapazzato
come se piuma fossi oppure straccio.

Finito poi che fui dentro un ruscello
greggi e farfalle ornavan quella riva:
un cielo azzurro tutto ricopriva,
stendeva la natura il suo mantello.

Nell’aria profumata un volteggiare
di bruni e cinguettanti passerotti
e con la luna illuminar le notti
udii di grilli e rane il lor cantare.

Udii delle cicale il mormorio
che il sole tempestava di calore;
d’armenti il piede e del lor pastore
mosso e rimosso fui dal calpestio.

Venne tempesta e forte cadde pioggia,
da vorticose acque fui rapito
e in fiume ebbi allora nuovo sito.
Vidi di piante e fiori grande foggia

e il vento udii soffiar tra quelle fronde
e il sussurrar d’amore degli amanti;
dei bimbi vidi i dolci lor sembianti
ed il sudor della rugosa fronte

raccolsi dei braccianti in ampio campo
intenti a procurar sostentamento;
urtai e rimbalzai contro il cemento
che all’acqua crea innaturale inciampo.

Avvolto fui da screzi e sporche acque
che l’uomo senza cura ognor disperde
e quanto a lui avanza lì si perde
rendendo del doman le sorti vacue.

Girando e rimbalzando miglia e miglia
per quanto tempo chi potrebbe dire:
ché a natura ognun deve ubbidire
perché del Creatore è degna figlia.

Mi ritrovai su spiaggia assolata
dalla cullante onda rinfrescato:
il mio percorso lungo e travagliato
al fine aveva posa sospirata.

Ora contemplo quanto è grande il mare
con l’incessante moto delle onde;
vedo lontano l’innevato monte
dove principio ebbe il mio vagare.

Tra queste sabbie giaccio riposando
il lungo ruzzolar per valli e monti,
tra gli argini fioriti e sotto i ponti,
da vortici percosso e rimbalzando.

Gioiose sento intorno voci liete
che godono del mar la dolce brezza
e il calpestio a me è dolce carezza
d’una fanciulla il tenero suo piede.

Gerardo Cianfarani

Le sue poesie

Premio di Poesia Scrivere 2016

Premio di Poesia Scrivere 2015

Premio di Poesia Scrivere 2014

Premio di Poesia Scrivere 2013

Premio di Poesia Scrivere 2012

Premio di Poesia Scrivere 2011

Premio di Poesia Scrivere 2010




Il libro del Premio 2014

Il libro del Premio Scrivere 2014
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2014, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Il libro del Premio 2013

Il libro del Premio Scrivere 2013
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2013, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Il libro del Premio 2012

Il libro del Premio Scrivere 2012
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2012, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Con il patrocinio di

Roma Capitale

Il libro del Premio 2011

Il libro del Premio Scrivere 2011
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Il libro del Premio 2010

Il libro del Premio Scrivere 2010
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Il libro del Premio 2009

Il libro del Premio Scrivere 2009
Tutte le poesie che hanno partecipato
al Premio di Poesia 2009
sono raccolte nel volume edito
dalla Casa Editrice Kimerik.

Il libro del Premio 2008

Il libro del Premio Scrivere 2008
Tutte le poesie che hanno partecipato
al Premio di Poesia 2008
sono raccolte nel volume edito
dalla Casa Editrice Kimerik.